Natura, fonte di ispirazione pittorica

Le fasi del giorno che hanno ispirato molti artisti

Molti artisti e poeti sono stati ispirati nelle loro creazioni artistiche e poetiche dalla contemplazione dei diversi colori del giorno. Questi colori hanno suscitato in loro moti creativi tali da far insorgere nella loro fantasia paesaggi astratti, surreali, … Si sono immersi nei colori dell’alba, del tramonto, del mezzodì ed hanno catturato i colori in tele e scritti che hanno percorso i secoli per essere ammirati ai giorni nostri.


Il giorno è uno spazio di tempo di 24 ore, un tempo durante il quale intercorrono varie fasi. Quella iniziale è l’Alba dove siamo spettatori del primo chiarore; con la comparsa della luce, lo svelarsi del giorno, ci troviamo nel momento tra la fine della notte e l’inizio dell’aurora.


L’Aurora è una luminosità che nasce a oriente, che precede il sorgere del sole, che crea con la sua venuta il rosseggiare. Contrapposte a queste abbiamo il Crepuscolo, che è come una luce pallida nel cielo ed il Tramonto, che è segnato dalla scomparsa del sole all’orizzonte: il sole viene meno e si sottrae alla nostra vista.


Questi passaggi meravigliosi, svelati dalla natura, sono successioni di fenomeni nel mondo sensibile, che hanno ispirato molti artisti; sono sequenze naturali che toccano stati interiori del nostro essere: sono cicli continui di nascita e morte, con la circolarità creativa tipica della creazione.


Contemplare la natura ci mette in condizione di farci svelare da essa la sua stessa bellezza; il colore, rendendo la natura stessa manifesta ai nostri occhi, solleva il velo che la ammanta.


Attraverso l’Alba, l’Aurora, il Crepuscolo ed il Tramonto, cioè attraverso questi stadi naturali, possiamo contemplare una trasformazione dall’ apparire del giorno alla venuta della notte. Colori forti ed emozioni ci colpiscono nel susseguirsi di definito ed indefinito; come il crepuscolo, in cui la luce ed il bagliore ci portano a stati emozionali come quelli della malinconia, che ispirò poeti e pittori.


La nascita del giorno, rischiarato dalla luce dell’Alba, ci rivela e ci porta chiarezza, illumina ogni cosa, ci riattiva, tutto ci appare brillante… è l’inizio! Poi appare il sole, quasi come messaggero di verità, portando quella felicità nell’animo con il giallo che inonda lo spirito.


Segue il mezzogiorno, l’istante che divide a metà il giorno, il giallo dall’arancio.


Il pomeriggio, la fase del giorno compresa fra mezzogiorno e sera, è una fase dove tutto è tranquillo, con un colore quasi aranciato; poi appare la sera che è la parte del giorno che inizia al tramonto del sole, quella in cui il cielo prende il rosso e termina, quando comincia la notte, con il cielo che da blu scuro diventa nero.


La giornata è come una tavolozza creativa, dove attingere sensazioni, emozioni e colori: nasce il giorno, quindi inizia il ciclo vitale, si viene al mondo ogni dì, alla luce, per poi metaforicamente morire, spegnendoci con la notte.


Ogni giorno, stando con la nostra mente nel presente, possiamo accompagnare questi meravigliosi passaggi delle nostre giornate, con la presenza creativa di un bambino che vive con gioia e sorpresa, le varie fasi. Possiamo cogliere i colori, tutt’intorno, contemplare la luce, che risplende, e il buio.


La luce illumina i fiori, le foglie, l’erba; ed il sole pennella d’oro ogni cosa, caricando ogni colore sino al giungere della sera, che assorbe tutti i colori, in un silenzio infinito; infine, vediamo le stelle, che con il loro piccoli bagliori, ci fanno sognare.


Coscienti di attraversare la nostra giornata, in uno spazio-tempo, dove tutto è visibile ai nostri occhi e nulla ci sfugge, ci fa sentire in pienezza, gioia e creatività, vivendo e respirando ogni piccolo istante con poesia.


Di seguito cenni poetici di scrittori che si sono ispirati al tramonto:


Portami il tramonto in una tazza conta le anfore del mattino le gocce di rugiada. Dimmi fin dove arriva il mattino – ditemi a che ora va a dormire il tessitore che filò le vastità d’azzurro! (Emily Dickinson)


Tienimi per mano al tramonto, quando il giorno si spegne e l’oscurità fa scivolare il suo drappo di stelle. Tienila stretta quando non riesco a viverlo questo mondo imperfetto. Tienimi per mano, portami dove il tempo non esiste. (Hermann Hesse)

Tiziana Mesiano
Pittrice ed Educatrice ai Valori Umani

Redazione

Progetto Sai Vivere

Sito web: www.saivivere.it
itenfrdeptrues