Primavera nei cuori

Sabato 26 e domenica 27 maggio 2018, come ogni anno, abbiamo festeggiato presso la struttura Mother Sai, sita in Varallo Pombia (NO) la Festa di Primavera. Queste due giornate sono inserite in un progetto sociale più ampio denominato “Progetto Sollievo” nato undici anni fa per offrire alle persone disabili e ai loro parenti alcune ore di gioia e di spensieratezza nella splendida cornice di questa struttura, immersa nella natura. Col tempo, questa festa, è diventata un appuntamento importante non solo per le famiglie e gli ospiti delle case di riposo ma, anche, per molti volontari che si sono cimentati in cucina, nella preparazione di prelibati piatti, e sul palco del teatro per intrattenere gli ospiti.

La presenza dei Dharmic Clown (gruppo di volontari che nelle vesti di clown offrono storielle e giochi divertenti basati sui Valori Umani) giunti per l’occasione dall’Emilia e di Giovanni Cinelli (comico di Zelig) ha permesso ai partecipanti di essere al “centro” delle due giornate e di godere della loro bravura. Cinelli, con l’inseparabile Laura e i clown hanno dato vita a innumerevoli “gags” divertentissime che hanno coinvolto più volte i tanti ospiti presenti. Alla sera, torta alla panna per chi nel mese di maggio festeggiava il compleanno.

I giardini della struttura erano pieni di fiori, lo stagno ripulito, i prati tagliati e le siepi allineate in ordine armonico. Ogni cosa attorno a noi ci ha ricordato la citazione di Sathya Sai “Ama tutti, Servi tutti”. La natura ci insegna che ogni cosa è perfetta e dona gioia senza nulla chiedere in cambio. Così, semplicemente stanchi ma felici, la giornata è terminata e il sonno ristoratore ci ha avvolto.
La mattina seguente, dopo colazione i volontari hanno accompagnato gli ospiti sul Lago Maggiore per una passeggiata ristoratrice. Anche questa attività è diventata un appuntamento graditissimo da tutti i presenti. Nel pomeriggio, il ritorno a casa, a conclusione di un’esperienza unica e irripetibile, che ha lasciato in tutti i partecipanti, sia volontari, disabili e accompagnatori, un legame particolare e la consapevolezza che “Ama Tutti, Servi Tutti” non è poi così difficile da applicare se il filo conduttore che unisce è, l’amore.      

Mauro Roffino
Responsabile Struttura Mother Sai

Redazione

Progetto Sai Vivere

Sito web: www.saivivere.it
itenfrdeptrues