LA VITA in Bianco e in Grigio

Pensa bene, parla bene, agisci bene. 1

Forse non esiste un solo modo per vivere la nostra esistenza ed essere felici.

Evidentemente la diversità, nel mondo umano, come in quello animale, è la base fondamentale del fatto che la via alla felicità è diversa per ognuno.

Abbiamo tutti esperienze di persone, con le quali trattiamo frequentemente, non solo nella cerchia familiare, ma anche in quella amicale e lavorativa, che si trovano ingarbugliate in situazioni difficili, non sempre per un avverso destino, ma piuttosto per avere atteggiamenti a volte superficiali o incuranti nei rapporti sociali o anche per non riuscire a pensare al modo migliore per risolvere una situazione poco chiara.

Nessuno ha tra le mani una magica bacchetta per una esistenza soddisfacente, è ovvio. Dispiaceri familiari, fallimenti o difficoltà finanziarie sono aspetti dell’esistenza umana comuni, in ogni tempo e in ogni epoca, come sappiamo.

La contrarietà o l’opposizione è frequente in ogni ambito: il modo di affrontarle può essere vincente o perdente, positivo o negativo. Qui sta la differenza tra una esistenza con un basso livello di frustrazioni oppure… molto grigia.

Un approccio di tipo positivo alle situazioni e alle persone con le quali abbiamo contatti frequenti o assidui, come nel matrimonio, per esempio, o sul luogo di lavoro, oppure nelle amicizie, può fare la differenza come tra il bianco e il grigio.

Non è indifferente, per una vita soddisfacente, nascere in un paese del nord del mondo, con legislazione sociale positiva e democratica o nascere in un paese sottosviluppato, per un’iniqua divisione delle risorse e con minori possibilità di sviluppo culturale e tecnologico.

L’umanità, anche in condizioni poco favorevoli, riesce a realizzarsi con intelligenza, costanza e disciplina morale, superando grandi limiti.

Lo dimostrano opere straordinarie di grandi geni artistici come Leonardo, Dante, Ariosto, Leopardi per es. per motivi diversi, avevano dovuto superare incomprensioni, natali non favorevoli, vicende di opposizioni politiche o condizioni di salute.

Un perseguitato per credenza religiosa fu Baruch Spinoza, per citare un caso di avversione anche filosofica, perché affermava che Dio o la Natura sono la stessa entità.

In breve, si potrebbe dire che una vita, non esente da situazioni problematiche, può avere dei toni di bianco per un atteggiamento costruttivo o ottimistico, come spesso affermiamo, derivanti da un buon carattere coerente orientato a vedere il lato migliore delle persone, ad esprimersi con rispetto ed empatia: una fattispecie della tolleranza e dell’amore per il prossimo, a controllare le proprie emozioni negative, che danneggiano innanzitutto l’emittente, cioè chi le prova, le custodisce e non riesce a superarle.

Non riuscire a controllare il risentimento per il male ricevuto, essere sempre in lotta con il prossimo è un veleno, che causa anche un declino dello stato di salute, secondo studi di medicina e psichiatria recenti.

Conoscere e accettare con umiltà i propri difetti, ci rende più comprensivi e tolleranti verso gli altri.

Il dialogo con noi stessi, rivolto al grigio, per non dire al nero, condiziona la nostra vita in senso pessimistico e non ci consente di vivere il bianco, cioè la luce interiore, di cui tutti sono dotati.

L’autostima e la fiducia in sé sono la base per ricordare che l’altro è come me, dotato della mia stessa identità umana: una scintilla del Divino.

Se continui a ripetere che le cose andranno male, hai buone probabilità d’essere profeta. 2

Ester Campoli
Prof.ssa Filosofia ed Educatrice ai Valori Umani

1 Sathya Sai
2 Isaac Singer

 

Leggi tutto...

Come si misura la felicità?

Il pianeta rosso è meta sempre più ambita per le missioni spaziali. La sua temperatura non è proprio adatta a noi esseri umani ma se la scienza potesse riscaldarlo, ci sarebbe abbastanza anidride carbonica per far crescere e fiorire le piante e la vegetazione… Chissà che tra 100 – 200 anni una parte della popolazione mondiale non diventi “marziana”. Parole interessantissime quelle del Prof. Art-ong Jumsai, personaggio eclettico e di grande spessore professionale e umano: scienziato e membro del consiglio nazionale di ricerca e del parlamento Tailandese, direttore di una scuola privata totalmente autonoma dal profilo di sostenibilità (Sathya Sai School of Thailand), e responsabile del dipartimento di formazione degli insegnanti del ministero di pubblica istruzione, sempre del suo paese.

Leggi tutto...

La Mente e i suoi misteri

La mente umana è unica e capace di generare immagini e di scegliere una direzione.

Oggi l’uomo ritiene che le difficoltà, la gioia e il dolore siano causati da altri (o da fattori esterni come la politica, la società …) ma questo non è che illusione.

Leggi tutto...

La Pace interiore

Realizzando veramente Lui... si raggiunge la suprema Pace.(1)

Gesù disse, "Venite a me, perché il mio giogo è confortevole e il mio dominio è gentile, e troverete la vostra pace." (2)

Leggi tutto...

Pezzi o Pace?

Tutti desiderano la pace, ma non sarà mai il mondo esteriore ad assicurarla. L’accumulazione di ricchezza e potere non possono conferire la pace. La pace può solo scaturire dalla fonte di pace che si trova all’interno.(1)

Sathya Sai era risoluto quando, durante un suo discorso, esclamava; “Not pieces, but peace!” (Non pezzi, ma pace!). Giocando con le parole, “Piece e Peace”, che in Inglese si pronunciano allo stesso modo ma che hanno due significati diversi, racchiudeva, e svelava, l’intima essenza della pace. “Piece” vuol dire pezzo, frammento, porzione, mentre “Peace” significa, appunto, pace. La genialità di questo gioco di parole sta però nel fatto che il singolare di “pieces”, “piece”, nel suono identico a “peace”, equivale ad “un pezzo”. Di conseguenza “Not pieces, but peace!”, si legge anche “Non pezzi, ma ‘un pezzo!”, un monito che ci ricorda di non farci confondere dalla molteplicità, ma di cercare l’Unità.

Leggi tutto...

Una Vita felice all'insegna dei Valori Umani - II parte

Esiste un’unità inscindibile tra Felicità e Virtù. Nell’Etica Nicomachea di Aristotele la felicità è identificata nella ricerca della Verità o Sapienza. L’anima razionale, che è una caratteristica solo umana, è sede del summum bonum o felicità, frutto di una ricerca del Vero che raggiunge la soglia del Divino.

Leggi tutto...

Una vita felice all'insegna dei Valori Umani - I Parte


L'Universo, con tutta la manifestazione è retto da leggi matematiche di ordine, di ritmo e di armonia.
Sin dai tempi più antichi, l’uomo ha cercato di esprimere la perfezione che sentiva più o meno consciamente dentro di sé, anche all’esterno, attraverso un rapporto armonico chiamato sezione aurea (o proporzione divina). Una sola defezione dall'ordine, una sola disarmonia e abbiamo creato, insieme al disordine, la malattia e il dolore. Quindi, se il dolore nasce dal nostro essere disarmonici, la felicità risiede nell’armonia interiore, che si riflette all’esterno come unità di pensiero, parola ed azione:

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS