Gli Elementi

  • Pubblicato in Valori Umani

GLI ELEMENTI: La base della vita: onoriamoli!

Un storia racconta di due amici astronomi. Uno dei due era ateo, l’altro credente. Un giorno l’ateo visitò il laboratorio dell’amico. Appeso al soffitto c’era un magnifico modellino del sistema solare.

“Chi ha costruito questa meraviglia?” domandò. “Nessuno”. Rispose secco il suo amico. “È un ottimo modello.” Riprese il visitatore. “Dimmi chi l’ha fatto!” - “Ti dico nessuno”. Replicò l’amico. “Ma va!” Disse l’ateo, senza nascondere una certa irritazione. “Come può un modello meccanico così preciso crearsi da solo?”. La risposta non si fece attendere: “Se, come tu dici, l’universo intero non ha bisogno di un creatore ma può funzionare senza alcun agente e ha potuto originarsi da sé, sarai d’accordo che anche questo modellino si possa essere costruito da solo!”.

Per creare un dipinto servono degli strumenti fondamentali, quali tela, pennelli e colori; per cucinare una torta degli ingredienti di base, come farina, burro, latte e zucchero. Allo stesso modo, una forza primaria intelligente ha ben pensato di creare tutto ciò che esiste usando cinque quintessenze: aria, acqua, terra, fuoco ed etere. Sembra impossibile eppure questi pochi, ma basilari elementi, si combinano all’infinito, creando forme, colore, suoni, sapori e odori. Ogni aspetto della natura ne è intriso e tutto ciò che fa parte della nostra vita ci rimanda a loro, a partire dal cibo che mangiamo. Va da sé, quindi, che i cinque elementi vivono anche in noi!

Empedocle (filosofo presocratico, ca. 450 a.C.) ha detto che gli elementi sono le radici di tutte le cose, immutabili ed eterne. Hanno un’energia e una densità propria e una diversa vibrazione. In parole povere, l’etere è lo spazio in cui tutto si muove; è un contenitore sottilissimo e senza confini ed in esso si propaga il suono. L’aria è più pesante dell’etere, la sentiamo quando si muove e quando grandi masse d’aria circolano rapidamente generano una frizione. Da una frizione può nascere anche il fuoco che illumina e rende visibile le cose, mentre il calore nell’aria crea vapore e condensa dando origine all’acqua che ci disseta, e che mantiene ogni cosa in vita. L’elemento più pesante, perché in esso sono presenti tutti gli altri, è la terra, avvincente per ognuno dei nostri sensi.

Se esploriamo un po’ più a fondo, scopriremo che l’elemento terra forma i nostri tessuti, le ossa, i denti e persino la struttura delle cellule, mentre l’acqua, che costituisce il 60-65% del peso corporeo, il sangue e i fluidi vitali. Il fuoco si manifesta nel nostro sistema digestivo, è lì che calore e acidità creano la giusta combustione. L’aria che viaggia dentro e fuori di noi, si muove anche su e giù nella rete sistemica del nostro corpo stabilizzando la temperatura e conferendo vitalità, mentre tra gli spazi e gli interstizi del nostro organismo troviamo “la colla” dell’etere.

È impressionante realizzare la perfezione degli elementi che si autoregolano secondo un’armonia intrinseca sia all’interno sia all’esterno di noi. Purtroppo, però, non sono del tutto immutabili ed eterni… Offesi da ripetute violazioni che ne disturbano il buon funzionamento, si alterano fino al punto da provocare sbalzi e squilibri naturali, a scapito nostro e dell’intero pianeta. Di fatto, se vogliamo che lieviti bene il nostro ciambellone, gli ingredienti vanno pesati e misurati rispettando proporzioni e misure. Se vogliamo fare del nostro dipinto un’opera d’arte bisogna soppesare le forme e i colori, per raggiungere i giusti toni, bilanciare la tensione del quadro ed esprimere un sentimento o un pensiero con maestria. Se perdiamo l’attenzione verso il “giusto agire”, il ciambellone si sgonfierà ed anche il nostro dipinto non varcherà mai i luoghi della memoria. Come in alto, così in basso, dice la legge dell’analogia.

Per fortuna gli elementi sono incredibilmente resistenti e Madre Terra è dotata di enorme resilienza… finché gli errori e i soprusi del genere umano non diventino persino per lei troppi da gestire. Nel frattempo, gli elementi soffrono e si corrompono, perdendo la loro purezza, offuscando la loro parte essenziale e divina. E se s’inquina l’aria, l’acqua, la terra e l’etere, se il sole brucia perché la naturale barriera di cui il pianeta è dotato è pieno di buchi … anche la nostra mente sarà inquinata, l’organismo avvelenato e l’anima, duole dirlo, giacerà sepolta sotto un velo di polveri fini. Risultato? Pensieri, parole e azioni saranno negativizzati, e le nostre scelte saranno condizionate e private di ciò che abbiamo di più caro: la nostra umanità.

Incoraggiare i bambini a vivere la natura e aiutarli a scoprire che, riflessi l’uno nell’altro, vi sono un macrocosmo e un microcosmo che esistono in parallelo; a rispettare il pianeta, con tutte le sue creature animali e umane, ed i cinque elementi che ne sono alla base, potrebbe essere la chiave di volta. Il ravvicinamento alla natura promuoverebbe un senso di profonda unità con la vita, nel senso più ampio della parola, con la conseguente realizzazione che “non posso ferire nulla, perché ferirei me stesso”.

E cosa fare nell’immediato? Usare i nostri sensi per guardare, ascoltare e sentire veramente; per andare oltre la molteplicità delle forme che ci circondano impedendoci di vedere ciò che conta, per andare oltre il rumore cacofonico delle onde che riempiono l’etere rendendo il nostro ascolto sordo e ovattato.

Solo così ci accorgeremo che il nostro pianeta non è un modellino, sebbene abbia in comune quel “filo” a cui sono appesi i pianeti della nostra storia introduttiva… Non è neppure un gioco di società virtuale o un puzzle a cui manca solo qualche pezzo. È una cosa vera, un organismo vivente dalla meccanica perfetta, ma che manda segnali di guasto perché da tutte le parti fa acqua. Oltre a coltivare un atteggiamento sostenibile, grazie agli accorgimenti che conosciamo ma che dovremmo mettere in pratica con maggiore alacrità, gli elementi stessi ci dicono cosa fare: ripristinare il senso del sacro “del filo d’erba, del sasso, dell’acqua e della terra”, e in special modo di loro stessi: le vitali quintessenze. In tal modo avremo la capacità di rivoluzionare il nostro vissuto non ribellandoci al cambiamento, ma facendolo “nostro” affinché la sua energia trasformatrice possa purificarci. A poco a poco il nostro approccio alla vita diverrà più sensibile e spirituale, e più naturale, perché saremo dotati di una rinnovata coscienza d’identità con il Tutto.

“…e mi trovai in cima alla più alta delle montagne e sotto di me vidi il Cerchio del mondo. In quel luogo vidi più di quel che posso raccontare e capii più di quel che vedevo, perché vedevo in maniera sacra la forma di tutte le cose così come debbono vivere insieme come un unico essere.” Alce Nero

Suzanne Palermo
Scrittrice, Illustratrice ed Educatrice ai Valori Umani

 

 

 

 

 

Leggi tutto...

La famiglia si allarga Seconda Parte

  • Pubblicato in Educazione

Come gestire la sfida costituita dall’ingresso nella famiglia di un nuovo essere: il figlio

Abbiamo già detto di quanto, la nascita di un figlio, soprattutto del primo figlio, rivoluzioni la vita di una donna. Soprattutto se è una donna che lavora, ella può avvertire una sorta di “perdita di identità”, un cambiamento così radicale e repentino da determinare delle ricadute sul piano psicologico. A volte la mammina sarà costretta a lasciare il lavoro, creando così delle difficoltà di carattere finanziario alla famiglia. Naturalmente ogni situazione ha le sue caratteristiche specifiche e non si può generalizzare. Molto dipende dal fatto che la maternità sia stata desiderata e programmata o meno. Anche l’atteggiamento di chi circonda la neo mamma: soprattutto il padre e i genitori (nonni), ma anche gli altri familiari e gli amici possono essere un supporto oppure provocare dubbi e aumentare la confusione. Infatti molto spesso si danno dei consigli non richiesti, interferendo così nella difficile ricostruzione del ménage familiare. È bene, invece, se si vuole essere d’aiuto, muoversi con molta circospezione ed aspettare le richieste di consigli da parte dei novelli genitori.

Leggi tutto...

Impronte femminili nel tempo - Parte 1

  • Pubblicato in Educazione

Nei precedenti articoli ci siamo immersi nelle pieghe più nascoste dell’energia femminile per sondarne gli aspetti originali, gli archetipi, che caratterizzano la donna nelle sue infinite sfumature caratteriali e nelle inedite gradazioni di chiaro e scuro della sua personalità, che la rendono una creatura unica, affascinante e incantevole.

Leggi tutto...

Vivere il presente

  • Pubblicato in Educazione

Mai come in certi momenti la mancanza diviene presenza, presenza acuta e assillante nei nostri pensieri, nelle nostre ore, nelle nostre giornate. Una presenza dolorosa, amara, come una ferita sanguinante. È così che apprezziamo ciò che prima avevamo dato per scontato. Quante cose, quante cose banali (banali?) ci mancano, si affollano nella nostra mente, diventata un crogiolo di desideri inappagabili, quasi ossessivi!

Leggi tutto...

Evviva il carattere!

Una storia racconta di un uomo di successo che, recandosi ad un Congresso internazionale dove è atteso per l’apertura plenaria, si trova costretto a farsi traghettare verso l’isola, sede dell’incontro, da un vecchio barcaiolo e una barca a remi visibilmente consunta.

Leggi tutto...

I Valori Umani nelle professioni

La maggior parte delle professioni è caratterizzata da un codice deontologico. Per accedere alla professione e per esercitarla correttamente, quindi, non solo è necessario intraprendere un percorso di studi che abilita alla professione, ma anche aderire e rispettare un codice deontologico che è ritenuto essere parte integrante della professione che si esercita. In pratica, “non basta la laurea” ma bisogna pure rispettare un dato codice deontologico per poter essere definito propriamente “ingegnere”, “medico”, “avvocato”, “giornalista” e così via.

Leggi tutto...

La famiglia si allarga

  • Pubblicato in Educazione

Come gestire la sfida costituita dall’ingresso nella famiglia di un nuovo essere: il figlio.

Prima Parte

Quando arriva un figlio all’interno della coppia, soprattutto se si tratta del primo figlio, si crea, evidentemente, una situazione del tutto nuova. La relazione della coppia deve affrontare una sfida e si deve riformulare, perché, accanto al ruolo di marito e di moglie, c’è ora il ruolo di madre e di padre.

C’è da chiedersi quanto si sia preparati per affrontarla.

Leggi tutto...

Le Origini del Femminile Terza Parte

  • Pubblicato in Educazione

Le dee della mitologia e la donna

Nella prima parte abbiamo visto gli aspetti femminili relativi alle energie cosmiche espresse, come dee, nella cultura orientale  indiana, nella seconda e terza parte vedremo come le stesse  prendono forma   nella mitologia occidentale con  le dee dell'Olimpo, dell’antica Roma o  provenienti da altre culture antiche del mondo.

Leggi tutto...

La Coerenza

  • Pubblicato in Valori Umani

La Coerenza - Vorrei che mio figlio non dicesse le bugie

Educare vuol dire “preparare alla vita”, un obiettivo a tutto tondo con rispetto all’istruzione scolastica che mira, innanzitutto, a preparare il giovane ad una professione. Ed ecco che la vita, che a sua volta diventa scuola, ci suggerisce di seguire un doppio binario. Di che cosa si tratta? Di educare “noi stessi” attraverso un percorso di consapevolezza mentre partecipiamo alla crescita di figli, alunni, o dei bambini che curiamo in base al nostro ruolo educativo. In questo modo diventa più facile, nonché naturale, trasferire le abilità che si rafforzano in noi, a loro. Un concetto, e un principio, fondamentali quando si tratta del valore della coerenza.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
itenfrdeptrues